Skip to main content
Seleziona lingua:

Autore: santuarioadmin

I giorni del tempo pasquale

Domenica delle Palme
2 aprile
Ore 11, benedizione dei rami d’ulivo.
S. Messe ore 9,30; 11; 18.

Giovedì Santo
6 aprile
Ore 18. S. Messa nella Cena del Signore e
deposizione del SS.mo Sacramento nella
cappella dell’adorazione. Conclusione
della Quaresima di fraternità (colletta).

Venerdì Santo
7 aprile
Ore 18. Liturgia della Passione di Gesù.
Colletta per la Terra Santa.

Sabato Santo
8 aprile
Giornata del grande silenzio senza
celebrazioni liturgiche, dedicata alle
confessioni. Non si celebra la Veglia
pasquale, per la quale indirizziamo alle
parrocchie.

Domenica di Pasqua
9 aprile
Orario festivo delle S. Messe: 9,30; 11; 18.
Alle ore 11 la S. Messa sarà presieduta
dal Vescovo.

Lunedì di Pasqua
10 aprile
Orario festivo delle S. Messe: 9,30; 11; 18.
Alle ore 11 S. Messa del pellegrino.

Tempo pasquale
I cinquanta giorni che si succedono dalla
Domenica di Pasqua alla Pentecoste
si celebrano nella gioia come un solo
grande giorno di festa, anzi come la
grande domenica.

Domenica della divina Misericordia
16 aprile
In questa domenica, partecipando
alla S. Messa si può ottenere il dono
dell’indulgenza plenaria alle consuete
condizioni (Confessione sacramentale,
Comunione eucaristica e preghiera
secondo le intenzioni del Papa, opere di
carità e di misericordia).

Quarta Domenica di Pasqua
30 aprile
Giornata mondiale di preghiera per le
vocazioni sacerdotali e religiose.

Ascensione del Signore
21 maggio
Ore 8,30: arrivo della processione
votiva della città di Mondovì e S. Messa
presieduta dal Vescovo.

Domenica di Pentecoste
28 maggio
Orario festivo delle S. Messe: 9,30; 11; 18

Accoglienza nella Fede – Sabato 1 aprile

La Diocesi di Mondovì invita i fedeli a partecipare alla Preghiera davanti a Maria, nella mattinata di sabato 1 aprile 2023. Nell’ambito del Sinodo 2023-2024 “Una casa con le porte aperte”  viene proposta una mattinata di preghiera intitolata “L’accoglienza nella fede”. Ritrovo in Basilica alle 6.15 per il Rosario meditato intorno al Pilone, per proseguire alle 7 con le lodi mattutine e concludere alle 7.30 con la messa.

«Vorrei chiedere allo Spirito di permettere che si radichi in noi la parola che più è necessaria al nostro cammino di Fede e mi lascio attrarre dalla preghiera di Mosè. Mosè è intercessore presso Dio, per il suo popolo. Egli supplica, prega, alza le mani, invoca: e Dio lo ascolta, e Dio si lascia commuovere. E così Mosè mostra la sua sollecitudine, il suo legame, il suo senso di responsabilità e di accoglienza per i suoi fratelli. Anche il Vangelo di Luca ci porge la bella notizia, trasmessa da Gesù, che Dio sa contare solo fino ad uno. Una pecora, una moneta, un figlio. Sa contare solo fino ad uno perché a Lui non interessano tutti nella loro indifferenza, ma a Lui interessi tu nella tua singolarità ed unicità. Ciascuno di noi è accolto da Lui e sta nelle sue mani come se fosse la sua sola preoccupazione, il figlio amato».
(+ EGIDIO VESCOVO)

Tutto esaurito per le visite con i giovani vicesi

Due giornate dedicate ai ragazzi e alle ragazze delle scuole, per approfondire la storia del complesso monumentale e i segreti del Santuario “Regina Montis Regalis”: le ha organizzate la Pro Vicoforte, in collaborazione con l’Amministrazione del Santuario e con il “Gruppo Spontaneo Genitori” del paese. Per due sabati, il 18 e il 25 marzo, le guide di Nativitas aps hanno condotto i giovani visitatori in un percorso attraverso la storia del complesso monumentale, dalla Basilica a Casa Regina Montis Regalis (ovvero l’ex-monastero dei Cistercensi), alla scoperta di segreti e curiosità di questi luoghi ricchi d’arte e spiritualità. L’iniziativa, gratuita, ha riscosso un notevole successo, con tutti i posti disponibili esauriti con largo anticipo rispetto alle date previste (è stato attivato per l’occasione un form di iscrizione online). La prima data ha visto protagonisti i bambini della scuola Primaria (nelle classi dalla 1ª alla 4ª), mentre il secondo appuntamento era riservato alla 5ª della Primaria e alla Secondaria di Primo Grado. I ragazzi hanno partecipato e dimostrato grande curiosità e interesse verso la storia del Santuario e alcuni dei suoi luoghi meno frequentati ma estremamente curiosi e suggestivi. Dopo una breve introduzione davanti al Santuario, sono stati condotti all’interno, per approfondire le vicende storiche della devozione mariana e della costruzione del monumento, con particolare attenzione al patrimonio artistico. Successivamente sono saliti presso l’organo Vegezzi-Bossi, per scoprirne i segreti e il funzionamento. La visita è proseguita a Casa Regina Montis Regalis, presso il coro dei monaci e il matroneo, per poi visitare il chiostro del monastero, la cappella dell’abate e le ex cellette dei monaci. La mattinata si è conclusa con la merenda nelle sale del pellegrino, offerta dalla Pro Vicoforte.

«Si è concluso con successo anche il secondo sabato di visite dedicate a bimbi e ragazzi alla scoperta del nostro Santuario», commenta Giuseppe Badino, presidente della Pro Loco di Vicoforte. «Siamo molto soddisfatti del “tutto esaurito” registrato in entrambi gli appuntamenti e dal grande interesse manifestatoci anche da altre associazioni, enti e scolaresche che in questi giorni ci hanno contatto per avere informazioni circa la possibilità di replicare questa iniziativa. Vista la grande domanda riscontrata speriamo di poterla riproporre in futuro ad una platea ancora più ampia. La Pro Vicoforte desidera ringraziare i propri volontari e le mamme del “Gruppo Spontaneo Genitori” per il supporto prima, durante e dopo la visita. Un ringraziamento particolare all’Associazione Nativitas e alle sue guide, molto preparate e coinvolgenti, al rettore del Santuario, Don Francesco Tarò, e al direttore di Casa Regina, Daniele Garnero, per la disponibilità e l’ospitalità».

Una soddisfazione che è condivisa anche dall’Amministrazione del Santuario e dell’associazione “Nativitas aps”, che ha curato le visite. «È stato emozionante vedere così tanti ragazzi in visita al Santuario, così vicino a noi, ma spesso lontano nella sua storia e tradizione» commenta Marzia Danna, presidente di “Nativitas aps”. «Le nostre guide hanno saputo coinvolgere in modo eccellente i ragazzi, facendo apprezzare la storia delle origini, la devozione popolare, l’affluenza dei pellegrinaggi negli anni, i dipinti, il complesso monumentale. Tutto questo descrivendo aspetti poco conosciuti e insoliti, attraverso un percorso di visita nuovo e integrato. Si  percepiva nei partecipanti un grande entusiasmo e una spiccata curiosità, grazie alle numerose domande da loro poste. L’auspicio è che rimanga, nel cuore di tutti loro, il ricordo di una giornata alla scoperta del patrimonio del territorio, nella speranza che proprio loro, i cittadini di domani, possano farsi promotori del nostro Santuario. Grazie alla Pro Vicoforte e al “Gruppo Spontaneo Genitori” per averci coinvolti in questa bella iniziativa».

“Un Santuario da ascoltare” centra l’obiettivo

Conclusa la raccolta fondi legata al bando “Santuari e comunità”. La raccolta fondi per realizzare le audioguide sfiora i 30.000 euro. Il rettore: «Generosi contributi, al lavoro per realizzare gli strumenti»

Si è conclusa con il mese di gennaio la campagna di raccolta fondi “Un Santuario da ascoltare”. L’iniziativa era parte delle attività promosse nell’ambito del bando della Fondazione CRTSantuari e Comunità”. La Fondazione CRT si è inoltre fatta carico di raddoppiare le offerte raccolte fino a un massimo di 12.500 euro. Il percorso, partito con la formazione e l’affiancamento dei volontari da parte di una consulente in fundraising della CRT, prevedeva l’individuazione di un obiettivo per la campagna e la pianificazione della stessa. A Vicoforte l’Amministrazione del Santuario ha scelto di destinare le donazioni alla realizzazione di un sistema di audio guide, pensato per essere un supporto alle visite, ma anche per rendere più fruibile il Santuario alle persone non vedenti. Grazie ad una narrazione evocativa e messa a punto con la consulenza di esperti, sarà possibile restituire, con una descrizione accurata, un’immagine della bellezza della Basilica. Un ulteriore tassello sul percorso verso una maggiore inclusività che il polo spirituale vicese ha intrapreso da qualche tempo (tra le iniziative in questo senso si ricorda anche l’installazione di un modellino della Basilica nell’atrio a cura del Leo Club monregalese).

“Un Santuario da ascoltare” è stato il nome scelto per questa campagna di raccolta fondi, a cui hanno partecipato attivamente anche i volontari dell’associazione “Nativitas” aps (sono state destinate alla raccolta fondi le offerte ricevute nel corso delle visite guidate dell’anno appena trascorso). L’operazione si è conclusa con un grande successo, superando di molto l’obiettivo prefissato: sono stati raccolti ben 27.862 euro. Sono decine i fedeli che hanno scelto di dare una mano, con una massiccia partecipazione anche da parte delle aziende, vicesi e non (tra queste una donazione particolarmente importante è arrivata da Riva Acciaio). Un’ondata di generosità che raccoglie il plauso e la gratitudine del rettore del Santuario, don Francesco Tarò.

«Grazie a questa campagna di raccolta fondi e alla generosità di più di cento donatori, tra persone fisiche, gruppi, aziende e associazioni, potremo dotarci di uno strumento che consentirà a tutti di approfondire la visita del Santuario, riscoprendo la storia della Basilica e il movimento di devozione plurisecolare che lega il territorio alla Regina del Monte Regale. Oltretutto grazie alle potenzialità di questo strumento sarà possibile regalare una nuova dimensione della visita al Santuario anche a chi non può vederlo, con una descrizione audio pensata su misura. Un’acquisizione preziosa: desidero ringraziare di cuore tutti e tutte coloro che hanno creduto nell’iniziativa e hanno scelto di donare una nuova opportunità di visita anche a chi non può fruire direttamente della storia e della bellezza del Santuario e che ora, grazie alla generosità di tante e tanti potrà conoscerlo e apprezzarlo».

Le aziende e le associazioni che hanno donato: Drai Snc, I portici Snc, Farmacia del Santuario Snc, Amici della Cittadella, Canossa Events Srl, Gazzera Luca Macelleria, Eze di Fabio Garelli, Ecat Campane, Banca Alpi Marittime, Alpi Clima di Camaglio, Idroterm Srl, Lions Club Mondovì, Gastaldi Sas, Riva Acciaio spa.