Un "Baldacchino" per il Pilone

Un "Baldacchino" per il Pilone

Da ultimo l’architetto Gallo aveva pensato al “baldacchino” centrale, ricco di marmi vivacemente colorati che fanno risaltare il Pilone senza soffocarlo. Mancato lui, ad innalzarlo provvide il geniale architetto Bernardo Antonio Vittone con la collaborazione dei Quadrone, marmorari lombardi.

Gli abili orafi e argentieri Boucheron e Ladatte lo ricinsero di una elaborata teca d’argento, e lo scultore carrarese Bartolomeo Solaro lo ingentilì di bianche statue d’angeli reggi-corona e di personificazioni della Speranza e della Carità.

Per visitare il Santuario verifica la disponibilità sia nei giorni festivi sia nei giorni feriali.